Cosa sono?

Gengive che si ritirano, scoprendo i colletti e le radici dei denti, sono condizioni molto frequenti anche nei giovani. Studi effettuati su studenti e militari da 14 a 21 anni mostrano come 1 su 4 di loro presentava almeno una retrazione gengivale.

Le cause principali:

La causa principale è uno spazzolamento eccessivamente aggressivo, con spazzolini dalle setole troppo dure e con dentifrici troppo abrasivi.

Purtroppo anche modificando le tecniche di igiene orale non si torna indietro, anche se almeno non si peggiora la situazione (vedi filmato tutorial). La soluzione risolutiva è la ricostruzione delle gengive con tecniche ambulatoriali di chirurgia plastica.

L’intervento:

L’intervento dura meno di un’ora e viene eseguito in anestesia locale. Vengono poste delle suture sottilissime che rimangono in sede per 15/20 giorni, consentendo così una ottima stabilizzazione delle gengive ricostruite. La maggiore motivazione che porta i pazienti a chiedere una soluzione a questo problema è di ordine estetico. Ma anche la ipersensibilità all’assunzione di cibi o bevande fredde, e il rischio di lesioni cariose sulle radici esposte, sono precise indicazioni alla ricostruzione dei tessuti gengivali in pazienti di qualunque fascia di età.

Alcuni esempi:

Di seguito alcune immagini di comuni situazioni di retrazioni singole o multiple prima e dopo il trattamento chirurgico. Se vengono modificate le condizioni che hanno portato al danneggiamento delle gengive, i risultati ottenuti con la chirurgia non solo saranno mantenuti, ma miglioreranno nel corso degli anni.

PrimaPrima