Lo studio si è dotato della più recente tecnologia in ambito di laser ad uso odontoiatrico.

Grazie a questo strumento l’odontoiatra può gestire trattamenti diversi in ambiti diversi, dalla chirurgia all’endodonzia, dalla parodontologia, alla cura delle afte e degli herpes, fino allo sbiancamento.

Quali sono i vantaggi:

Questo strumento offre molteplici vantaggi non solo per l’odontoiatra ma anche e soprattutto per il paziente, rendendo i trattamenti più veloci, meno dolorosi e i tempi di guarigione più rapidi.

La modalità di azione di questo strumento non comporta alcun dolore per il paziente, altresì prevede interventi esangui, che non necessitano quindi dell’uso di fili di sutura, riducendo gli appuntamenti in studio e i fastidi legati al recupero post operatorio.

Per lo sbiancamento:

Il Consiglio dell’Associazione Dentale Americana (ADA) ha infatti dichiarato che l’uso del laser come un attivatore di prodotto sbiancante presenta molteplici vantaggi rispetto ad altre tecniche professionali.

Eccone alcuni:

  • Riduce il tempo di funzionamento e pertanto riduce il rischio di sovra-sbiancamento e di sensibilità post-operatoria.
  • Prevede un aumento della temperatura intrapulpare minimo, evitando così il rischio di danni alla polpa, fastidiosi e molto dolorosi.
  • Lascia l’ossigeno nascente penetrare più in profondità dello smalto e della dentina, esercitando un’efficace azione anche nelle discromie più profonde.

La classica “paura del dentista”, che affligge la maggior parte dei pazienti più piccoli e non solo, può essere così tranquillamente superata.